Ristorante Le Querce

Via Talponera, 130/A - Merlengo - Loc Ponzano Veneto - TV

COPERTO MEDIO: 35 - 50 €

https://www.ristorantelequerce.it/it/

TEL. 042299043 - 3358151773

Ristorante Le Querce
Ristorante Le Querce Ristorante Le Querce
Ristorante Le Querce
Ristorante Le Querce
 

Ristorante Le Querce

PROMO PER SOCI - PRIMA VOLTA

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
PRANZO ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso 30% di sconto promozione non attiva
CENA ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso 30% di sconto 30% di sconto promozione non attiva 30% di sconto

PROMO PER SOCI - SUCCESSIVE VOLTE

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
PRANZO ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso 10% di sconto promozione non attiva
CENA ritorante chiuso ritorante chiuso ritorante chiuso 10% di sconto 10% di sconto promozione non attiva 10% di sconto

Promo valide la prima volta Ristorante premiato nelle precedenti edizioni Rinomato per specialità di carne Menù per intolleranze alimentari Menù vegetariano Ricerca e prevalente utilizzo di ingredienti locali Porta le bottiglie da casa: costo del servizio per mescere Menù in inglese o personale che parla altre lingue Piatti per bambini Serate romantiche Banchetti per matrimoni Gruppi numerosi Salette private disponibili Servizi per diversamente abili Servizio di connessione internet gratuito per i possessori di dispositivo portatile in sala Calendario delle lezioni di cucina disponibili All'aperto o veranda attrezzata Locale climatizzato Parcheggio di propietà disponibile Ammessi i cani al guinzaglio Proposta di cibi per persone vegane Carta dei vini con numerose etichette biologiche o biodinamiche Gelato gourmet salato o dolce

Cresce l'interesse, la curiosità per la vasocottura, nascono proposte vegetariane pure, vegane originali, affiancate dalla migliore cucina del territorio, piatti della tradizione ormai difficili da trovare... anche per persone celiache. Le Querce sono tutto questo e anche di più, ad opera dello Chef Ermanno Zago, che affiancato dal fratello Dario in cucina e dalla sorella Duska in sala, rappresentano il simbolo della ristorazione fatta "col cuore". Si trovano a Ponzano Veneto, a una decina di minuti dal casello A27 di Treviso nord. La saletta per il menù alla carta conta al massimo una quarantina di posti e nella bella stagione c'è qualche tavolo anche sotto alla pompeiana esterna. Altri ambienti sono disponibili per i banchetti, un paio di sale polifunzionali, per aziende e matrimoni, affacciati al parco estivo.

Vi consigliamo di provare almeno un piatto vegetariano creativo, anche se non lo siete, oppure fatevi consigliare le specialità di stagione da Duska, come il "giardino d'inverno" o la degustazione vegana con crema alle erbette, aglio confit, timo, olive taggiasche, misticanza di primavera e pomodorini dry. Passate al tortellone di pasta fresca alle fave di cacao, con burrata di bufala e prugne, oppure a chi piacciono i sapori della tradizione, gli gnocchetti di patate con faraona nostrana. Un altro piatto di difficile realizzazione, è la trippa con un po' di pomodoro, così delicata che può essere vista anche come un antipasto, oltre che un secondo. Oltre alle specialità al forno, troviamo le carni alla griglia, come la tagliata di sorana piemontese con i "ristretti" oppure la costata di "manzarda". La vasocottura è una tecnica nuova che merita la vostra attenzione, potete chiedere informazioni su quali piatti la utilizza o rifugiarvi in un dessert, come il tiramisù al cacao nel "bauletto".

Tutta la biscotteria e i sorbetti sono fatti internamente, provate quello all'aloe vera e sedano, con bacche di goji fresche. Un piccolo scrigno è la cantinetta per i vini, che vi consigliamo di visitare se i tempi di sala ve lo permettono, perché si accede col personale, ma è piacevole scegliere così la bottiglia.

Riccardo consiglia

  • Gazpacho alla mediterranea con gelato al basilico e pan rustico
  • Fettuccine alla cenere di betulla, oppure maltagliati di mais con porcini e Casatella DOP
  • Tagliata di lombata di puledro su rucoletta o tartar di sorana alla mediterranea
  • Bavarese alla liquirizia calabra con cuore al caffè, o sorbetto alla mela e lime

PROMO NON VALIDE

escluso Festività, San Valentino

MEDIA DELLE VOTAZIONI

Ristorante Le Querce

  • QUALITÀ E CURA DEI PIATTI 5 / 5.0
  • LIVELLO DEL SERVIZIO 5 / 5.0
  • AMBIENTE E SALA 5 / 5.0
  • QUALITÀ / PREZZO 5 / 5.0
  • VOTO MEDIO 5 / 5.0
 
 
EasyVI
 

COMMENTI DEI SOCI

COMMENTI DEI SOCI

  • Tiziana F. 19/06/2020

    Una piacevole conferma

    Siamo tornati alle Querce sicuri di ritrovare lo stesso calore nell'accoglienza e la stessa passione nella creazione dei piatti. Ne siamo usciti entusiasti dopo aver trascorso una splendida serata. La cena è iniziata con una gradita entrée, di seguito il gaspacho che ti conquista già alla vista, un tortino vegetariano e poi il risotto allo zafferano e liquirizia, piatto forte...

  • Jacopo S. 04/07/2019

    Tanta passione

    Il locale è bello, dall'aria famigliare e con la giusta atmosfera, adatto a coppie, famiglie, aziende e matrimoni. Il menù è molto vario e c’e la possibilità di avere anche il menù dedicato alle intolleranze ( glutine, lattosio ). Passando di mese in mese si possono notare tutte le piccole modifiche al menù in base alla stagionalità dei...

EVENTI

  • Intervista ad Ermanno Zago
    07/06/2022

    Intervista ad Ermanno Zago

    Il ristorante Le Querce di Ponzano Veneto festeggerà, in questo 2022, i suoi primi venticinque anni d’attività: per conoscerlo meglio vi proponiamo, in questa ricorrenza d’argento, un excursus attraverso la sua storia e la sua filosofia, in compagnia del “cucinatore” Ermanno Zago.

    Prima di cominciare, una parola su questo buffo e affettuoso epiteto: che origine ha?

    “Cucinatore” è un neologismo inventato da mio figlio quand’era piccolo, sulla falsariga di “muratore”, “pittore” e altri termini simili. Per me non si tratta di una parola sbagliata: quando l’ho sentito mi ci sono riconosciuto, non ritenendomi uno chef. In cucina lavoro in squadra, non sono il capo di nessuno e mi sembra giusto non assumere un titolo che crei una gerarchia.

    Alle Querce, poi, la tua squadra è la tua famiglia. Famoso per l’attenzione verso allergie e intolleranze alimentari, il ristorante nasce da un’attività che abbraccia due generazioni: ci racconteresti da dove ha avuto inizio questo progetto?

    Sono stati i miei genitori, Franco e Tiziana Zago, ad avere l’idea di creare questa realtà inclusiva e virtuosa. Oggi io e i miei due fratelli, Dario e Duska, la portiamo avanti con la massima dedizione, cercando continuamente di migliorarci e rispondere alle nuove esigenze dei clienti. Quello della ristorazione è un mondo dinamico e in divenire: richiede un costante impegno per stare al passo, soprattutto quando si offrono molteplici servizi diversi.

    Qui alle Querce siamo immersi nella campagna, con un parco di 5.000mq adatto ad ospitare eventi e matrimoni: curiamo noi il verde, riservando una porzione di spazio al nostro orto stagionale. Non puntiamo tanto sul “km 0”, quanto sul “chilometro sostenibile”, raccogliendo certamente in loco alcuni prodotti – zucchine, cavoli, broccoli, ma anche le erbe aromatiche – e andando a reperire le materie prime che non coltiviamo direttamente da aziende che seguano principi etici simili ai nostri.

    Hai menzionato il valore dell’inclusività: ti va di spiegarci meglio a che cosa si riferisce?

    “Le Querce” è un ristorante conosciuto per essere attento sia alla problematica della celiachia sia, contemporaneamente, all’intolleranza al lattosio. È l’unico ristorante in Veneto a collaborare da un lato con AIC e il suo network [conosciuto come AFC, “Alimentazione Fuori Casa”, ndr] e dall’altro con AILI, l’Associazione Italiana Latto-Intolleranti, che promuove il progetto “Senza Lattosio Fuori Casa”. Entrambe le sigle servono a far riconoscere a colpo d’occhio alle persone che ne hanno la necessità i luoghi in cui i loro bisogni alimentari sono presi in considerazione.

    Le due associazioni operano a livello nazionale, ma non sono ancora capillarmente diffuse, purtroppo. Spesso i soggetti intolleranti al glutine o al lattosio vengono ritenuti quasi capricciosi da alcuni chef, come se le loro richieste fossero una moda o una pretesa: facciamo il possibile per batterci contro questo stereotipo, anche intervenendo in prima persona nella divulgazione di queste necessità alimentari, per esempio tramite corsi di formazione e consulenze.

    Quant’è faticoso garantire le dovute attenzioni ai vostri clienti intolleranti al glutine o al lattosio?

    Dopo un po’ si entra in una determinata logica. Abbiamo una cucina separata che prepara sia i piatti senza glutine che quelli senza lattosio, servendoli su stoviglie contrassegnate da un codice colore (piatti neri per chi è intollerante, bianchi per chi non lo è). Il cliente sa che questa differenza cromatica è importante, dal momento che la segnaliamo in menu: lo sanno i camerieri e lo sa il cuoco, così si crea una catena di passaggi che danno più sicurezza al consumatore. Con un sistema di questo tipo, è davvero difficile che si commettano errori e si porti al cliente qualcosa di dannoso.

    Quando abbiamo iniziato nel campo della ristorazione ancora non si sapeva quasi nulla di queste patologie, andavano studiate e approfondite per costruire una sensibilità in merito. Per me era e continua ad essere importante capirle, per proporre un servizio che vada incontro a queste minoranze emergenti: sono persone che partecipano ai buffet di nozze, che si siedono ai nostri tavoli con la famiglia e meritano di essere rispettate. Vale la pena spendersi per raggiungere quest’obiettivo.

    Che cosa lasceresti detto ai nostri lettori, per concludere la nostra chiacchierata?

    Vorrei invitare innanzitutto i miei colleghi a non giudicare per preconcetto chi è celiaco o intollerante in generale: al giorno d’oggi informarsi adeguatamente su queste tematiche è facile e sicuramente utile ad accrescere la propria professionalità. Vedere un nonno seduto a tavola con il nipotino che mangia di gusto il nostro tiramisù gluten free e senza lattosio è una soddisfazione e un piacere, per noi, tanto quanto lo è per il bambino e per i suoi parenti: serenità e condivisione sono i principi ai quali ci ispiriamo per fare il nostro lavoro, con l’obiettivo di mettere a suo agio chiunque entri dalla nostra porta.

    Grazie per il tuo impegno e per il tuo tempo: consigliamo di cuore ai soci Che Passione di visitare “Le Querce” e provare di persona l’alta qualità delle sue proposte gastronomiche.

     

    Articolo a cura di Chiara Tomasella

  • chiacchiere divine: incontri avvicinamento al vino il 25 marzo, 1 e 8 aprile
    08/04/2022

    chiacchiere divine: incontri avvicinamento al vino il 25 marzo, 1 e 8 aprile

    Se siete curiosi ma non esperti di vino? Questo corso fa per voi! Presso il Ristorante Le Querce a Ponzano Veneto (TV) vi aspettano 3 incontri didattici dove imparare in maniera facile e pratica i fondamenti del vino. Venerdì 25 marzo, 1 e 8 aprile avrete modo di avvicinarvi a questo mondo di profumi, colori, sapori e sensazioni. Alla fine di ogni incontro ci sarà una degustazione con food-pairing. Il relatore è Valeria Bardin, sommelier professionista con più di 10 anni di esperienza nel settore della ristorazione e sommellerie. Locale selezionato dalla Guida Ristoranti Che Passione. Posti Limitati - 99 euro. Per la partecipazione è richiesto il Green Pass rafforzato. Per info e prenotazioni contattare il numero 347 9612096.

  • degustazione di formaggi e pani senza limiti
    20/10/2021

    degustazione di formaggi e pani senza limiti

    Onaf Treviso con Belluno e Friuli Venezia Giulia in collaborazione con il Ristorante Le Querce di Ponzano Veneto (TV) mercoledì 20 ottobre alle ore 20 propone una degustazione di formaggi e pani senza limiti accessibile ed apprezzabile da tutti, soprattutto per chi soffre di intolleranze al lattosio e al glutine. Oltre ad una degustazione guidata di formaggi in purezza, rigorosamente lattosio free, grazie allo chef Ermanno e lo staff del Ristorante le Querce esplorerete un intero menù che interpreterà i formaggi garantendo gusto e sicurezza. L'iniziativa è patrocinata da AILI- Associazione Italiana Latto Intolleranti, e AIC - Associazione Italiana Celiachia del Veneto. Assieme a loro approfondirete sia le tecniche e il piacere della degustazione, sia le insidie di queste intolleranze e di come è possibile conviverci con gusto. Locale selezionato dalla Guida Ristoranti Che Passione e cena in promozione a 40 euro. Adesioni entro il 15/10/2021. E' richiesto il green pass. per info e prenotazioni: Ristorante le Querce Tel.0422 99043 - Mob. 339 2511352 info.ristorantelequerce@gmail.com ONAF Treviso: Tel. 320 6655249 (Stefano Perinotto), info.onaftreviso@gmail.com Evento accreditato per accedere al corso ONAF di secondo livello.

  • festival del baccalà - trofeo tagliapietra
    30/01/2020

    festival del baccalà - trofeo tagliapietra

    In occasione della Decima Edizione del Festival triveneto del Baccalà Trofeo Tagliapietra, la Famiglia Zago del Ristorante Le Querce di Ponzano Veneto (TV) ha il piacere di ospitare questo grande evento che ha come indiscusso protagonista lo Stoccafisso. Competizione gastronomica itinerante, il Festival triveneto del Baccalà rappresenta un vero e proprio viaggio culinario che vede partecipare i migliori chef del Veneto, Trentino Alto-Adige e Friuli Venezia Giulia, i quali proporranno ricette creative ed innovative a base di stoccafisso. Organizzato dalla Dogale Confraternita del Baccalà Mantecato, dalla Venerabile Confraternita del Baccalà alla Vicentina, dalla Vulnerabile Confraternita dello Stofiss dei Frati e in collaborazione con la Tagliapietra e figli srl, partner selezionato dalla Guida Ristoranti Che Passione, il concorso è volto a sensibilizzare il pubblico ed il mondo della ristorazione riguardo ai molteplici impieghi ed utilizzi in cucina del merluzzo, prodotto non solo ricco di proprietà nutritive, ma anche estremamente versatile. Giovedì 30 Gennaio alle ore 20 il Ristorante Le Querce - partecipe per il secondo anno consecutivo e unico locale in Veneto a rientrare contemporaneamente nei circuiti AIC e AILI - proporrà un menù con portate realizzate interamente senza glutine e senza lattosio. Le diverse portate proposte nel corso della cena, composta da un'entrée di benvenuto, un antipasto, un primo, un secondo e un dessert, verranno valutate non solo dalla giuria, ma anche dagli ospiti che potranno votare il loro piatto preferito: la ricetta che riceverà il maggior numero di preferenze, concorrerà assieme a quelle degli altri ristoranti alla prima selezione. Per informazioni e/o prenotazioni contattare lo chef Ermanno Zago al numero 335 8151773 o inviare una email a zagoermanno@gmail.com. Per maggiori informazioni vi consigliamo di consultare il sito www.festivaldelbaccalà.it

  • Selezione per il 9° Trofeo Tagliapietra - Festival del Baccalà
    25/01/2019

    Selezione per il 9° Trofeo Tagliapietra - Festival del Baccalà

    Una competizione culinaria itinerante, arrivata alla 9° Edizione nel Triveneto, che farà tappa al Ristorante Le Querce venerdì 25 gennaio, per aggiudicarsi un posto alla finale del Trofeo Tagliapietra. Lo Chef Ermanno Zago propone uno speciale menù con piatti per valorizzare lo stoccafisso (merluzzo essicato naturalmente alle Isole Lofoten) con ricette innovative e creative. Durante la cena che inizierà alle 20:00, sarà richiesto al pubblico di votare la ricetta più riuscita, tra un antipasto, primo, secondo e dolce. Serata proposta a 50 euro con i vini compresi compresi in abbinamento. Al Festival Triveneto del Baccalà, la presenza di selezionati ristoranti è sempre più numerosa, si confronteranno i migliori chef del Veneto, Trentino Alto-Adige e Friuli Venezia Giulia, per raggiungere l'ambito trofeo patrocinato dalla Dogale Confraternita del Baccalà Mantecato, dalla Venerabile Confraternita dello Stoccafisso dei Frati e dalla Venerabile Confraternita del Bacalà alla Vicentina. Info e prenotazioni 335/8151773 o 0422/99043.